Pulci

corpopagina

Le pulci sono i parassiti esterni più diffusi del cane e del gatto.

Questi fastidiosi parassiti provocano quasi sempre negli animali un notevole prurito, che spesso porta alla comparsa di lesioni da grattamento.

Possono anche causare una dermatite allergica e trasmettere, tra gli altri, un particolare parassita intestinale (Dipylidium caninum) e uno del sangue, molto pericoloso per il gatto (Mycoplasma haemofelis) in grado di causare una gravissima anemia emolitica acuta, soprattuto in gatti immunodepressi.

Il gatto è considerato il principale reservoir della “malattia da graffio del gatto” dell’uomo, sostenuta da Bartonella henselaee e Bartonella clarridgeiae, che nella specie felina è generalmente asintomatica e il cui vettore principale per il gatto è la pulce della specie Ctenocephalides felis.

Il ciclo di vita della pulce è semplice e si svolge sia sull'animale che in casa.

La pulce adulta vive sull'animale da 1 a 3 mesi mentre nell'ambiente resiste solo 48-96 ore.

L'intero ciclo di ovodeposizione-schiusa delle uova-forme larvali-pupe-pulce adulta dura in media 21-28 giorni ma può essere più breve.

Le uova vengono deposte dalla pulce femmina sul pelo dell'animale e dopo poche ore cadono a terra; dopo la loro schiusa, che quindi avviene nell'ambiente, le larve fuoriuscite si nascondono nei tappeti, nei tessuti e negli angoli dei pavimenti.

Dalle forme larvali si sviluppano le pupe che sono forme molto resistenti anche a trattamenti ambientali molto aggressivi e che si disseminano a loro volta in casa; possono sopravvivere anche 12 mesi.

Da queste pupe si sviluppano i parassiti adulti che saltano sugli animali e il loro ciclo vitale ricomincia.

Una pulce femmina può deporre anche 30 uova al giorno per un periodo di 2 settimane.

Ipotizziamo che sul nostro cane ci siano anche solo 10 femmine di pulce:

se questa depone 30 uova al giorno per 14 giorni, in sole due settimane nell'ambiente di casa saranno cadute dal pelo dell'animale ben 4.200 uova dalle quali attraverso lo stadio intermedio di larva, potrebbero generarsi almeno 1.000 pupe che sono le vere forme di resistenza del parassita e rappresentano il vero serbatoio dell'infestazione, anche ambientale, fino a 12 mesi successivi, anche trattando regolarmente il nostro cane con prodotti specifici.

Pertanto, la chiave della lotta ed il controllo dell'infestazione da pulci, sia animale che ambientale, è intervenire con prodotti che uccidano i parassiti adulti ma anche che siano in grado di impedire la schiusa delle uova nel frattempo deposte.

Ovviamente i periodi ideali per la riproduzione delle pulci sono i mesi più caldi dove senza una profilassi adeguata contro questi parassiti è impossibile che i nostri animali non ne siano infestati, anche se non mostrano segni di fastidio o non ne avete mai viste sul pelo.

Ricordate che se vedete una pulce ce ne sono moltissime altre, infatti meno del 5% di tutte le forme vitali del parassita vive sull'animale; se doveste vedere uno di questi parassiti aggirarsi sul pelo del vostro cane molto probailmente sul vostro animale si è raggiunta un "densità demografica" tale da impedire alla pulce di nascondersi quando vi avvicinate.

Da tutto questo se ne ricava che nelle nostre abitazioni, dove i riscaldamenti mantengono la temperatura mite anche durante l’inverno, le pulci trovano un habitat ideale per completare il loro ciclo vitale, seppur con una densità ambientale più bassa a causa del mancato approvvigionamento dall'esterno di altre uova (raccolte per esempio dalle suole delle scarpe nell'ambiente) o di parassiti adulti (saltati sul cane durante le uscite). Potrà pertanto essere necessario proseguire il trattamento antiparassitario anche nei mesi freddi perchè le uova deposte nei mesi precedenti avranno generato delle pulci in grado di riprodursi grazie alla temperatura favorevole della vostra casa.

Il vostro Medico Veterinario saprà consigliarvi su quale prodotto soddisfa al meglio le strategie di lotta alle pulci.

numeroattivo

Numero attivo anche per le emergenze

0462.760151

footer

Ambulatorio Veterinario Val di Fassa
di Dott.ssa Giulia Belfanti - Dott. Filippo Soresi Bordini (Direttore Sanitario)